Come funziona il Sistema Argo

Argo si declina operativamente in un modello Hub & Spoke che per sua natura estende le proprie attività e i propri servizi – e di conseguenza gli impatti sistemici – in una dimensione nazionale ed internazionale, sviluppandosi per fasi.

Viene sperimentato nella prima fase a livello regionale in Friuli Venezia Giulia ma, date le caratteristiche di scalabilità e replicabilità, si declina automaticamente a livello multi-regionale ed internazionale.

Le attività preparatorie, gestite e avviate in Regione Friuli Venezia Giulia da Area Science Park e altri partner istituzionali ed industriali, sono state incentrate sulla progettazione e sulla messa in operatività del modello. Dopo un ampio confronto con il mondo della politica, della ricerca e dell’industria per condividere la visione sugli strumenti di regolamentazione, sulle priorità di investimento e sulle nuove tecnologie utili al fine di rendere il modello un Sistema e supportare così lo sviluppo e la crescita del paese, da fine 2016 è iniziata la strutturazione e la sperimentazione operativa. Dal 2017 si sono chiuse le attività tecniche preparatorie degli Asset e consolidata la partnership istituzionale ed economica che diventa parte del sistema stesso. Dal 2018 il Sistema ARGO può essere messo a pieno regime nella regione ed iniziare ad operare a livello multi-regionale. Entro il 2021 il sistema sarà operativo a livello nazionale

Obiettivo strategico

Costruire un sistema strutturato di imprese private ed operatori pubblici in grado di generare sviluppo economico a livello regionale, nazionale ed internazionale, mettendo a valore gli asset (i) della tecnologia avanzata, (ii) della digitalizzazione e (iii) dell’alta formazione presenti nei territori di riferimento, per ottimizzare le risorse ed attrarre, in base ad una chiara strategia di sviluppo industriale, investimenti nazionali ed internazionali in nuovi progetti di sviluppo strategico.

Il modello Hub & Spoke: un sistema per l’innovazione industriale

Gli elementi chiave che compongono il modello e che si declinano fisicamente sul territorio sono:

Hub – lo snodo centrale di una rete di infrastrutture, strumentazioni e competenze avanzate indispensabili per l’innovazione industriale. Garantisce l’accesso coordinato delle imprese ai servizi e alle competenze presenti nel sistema stesso secondo principi di integrazione e complementarietà.
Il coordinamento dell’Hub compete alla Cabina di Regia del sistema.

In una logica di prossimità territoriale, di sistema integrato ad accesso multiplo e di servizi a complessità crescente, l’Hub contiene e si avvale di punti d’accesso territoriali: i Nodi.

Nodi – sono luoghi fisici di prossimità territoriale per l’utenza target. Oltre a garantire i servizi di accesso al sistema possono fornire servizi ad alta specializzazione tematica (Nodi specialistici) in coordinamento con l’Hub. Richiedono in ogni caso un collegamento con gli altri asset mediante un sistema di Spoke per poter fornire accesso all’intero portafoglio di servizi avanzati.

Spoke – è il sistema di collegamento tra l’Hub e i Nodi, che permette di accedere a servizi ad elevata complessità, non disponibili singolarmente nei Nodi periferici. Lo Spoke è un canale standardizzato  di ingaggio di competenze elevate e di erogazione di servizi altamente qualificati. Caratteristica strutturale è la connessione dell’Hub con il sistema della Ricerca Universitaria, con i Competence Center e con le reti regionali ed internazionali dell’innovazione.

I programmi di sistema avviati comprendono attività complementari in grado di coprire l’intero percorso, dalla ricerca di base al mercato, su alcune tematiche e specializzazioni tecnologiche di interesse strategico e per le quali il sistema territoriale della conoscenza vanta infrastrutture e competenze di assoluto livello.

MORE INFO SULLE METODOLOGIE?

COMPILA IL FORM QUI A DESTRA OPPURE INVIACI UNA MAIL

MORE INFO SULLE OPPORTUNITÀ PER AZIENDE?